NEUROCHIRURGIA

Laser 1470nm

Principi del trattamento PLDD

Laser fibra ottica neurochirurgiaLa decompressione percutanea del disco laser (PLDD) è un tipo di intervento chirurgico in cui una sonda laser viene inserita nello spazio del disco intervertebrale e l’energia laser applicata per ottenere la decompressione e la neuromodulazione alleviando così il dolore.

PLDD è una procedura minimamente invasiva che rientra nella categoria degli interventi chirurgici intervertebrali percutanei con l’obiettivo di ridurre significativamente il dolore del paziente e recuperare il deficit neurologico.

Viene eseguito in anestesia locale.

Da un laser appositamente progettato, con un coefficiente di assorbimento dell’energia regolato per il tessuto del disco molle, viene inviata una quantità specifica di calore per ottenere l’evaporazione dell’acqua dal disco senza ulteriori danni termici ottenendo così la decompressione e la creazione di una cicatrice intradiscale stabile che farà prevenire il ripetersi dell’ernia.

Vendita laser fibra ottica Neurochirurgia

A chi è rivolto il trattamento PLDD

Questa procedura è dedicata ai pazienti con problemi al disco accompagnati da quanto segue:

  • Grave dolore alle gambe, alle braccia, al collo o alla parte bassa della schiena.
  • Dolore che non ha risposto a sei settimane di trattamenti conservativi: riposo, farmaci o terapia fisica.
  • Ernia del disco lombare confermata da studi radiografici che possono includere uno o più dei seguenti: Risonanza magnetica per immagini (MRI), TAC, Mielografia, Discografia.

Approvato dalla FDA e riconosciuto dall'AMA

Il PLDD è un trattamento laser minimamente invasivo eseguito in regime ambulatoriale utilizzando solo l’anestesia locale.  Durante la procedura, un raggio laser vaporizza una minuscola porzione del disco, decomprimendola. 

I pazienti in genere al termine del trattamento vanno a casa. Non vi è alcuna degenza ospedaliera, nessun lungo periodo di recupero ed inoltre la PLDD ha costi molto inferiori rispetto ad un intervento chirurgico.

PLDD è la procedura medica mininvasiva sviluppata dal Dr.Daniel S.J. Choy nel 1986

La procedura utilizza un raggio laser per trattare il dolore alla schiena e al collo causato da un’ernia del disco. Un’ernia del disco è come un palloncino con un punto debole che gonfiandosi/espandendosi, provocherà un rigonfiamento (ernia). 

Il dolore deriva dal rigonfiamento che preme contro i nervi nella colonna vertebrale.

Il trattamento PLDD viene eseguito in regime ambulatoriale

Utilizzando esclusivamente l’anestesia locale, durante la procedura, un ago sottile viene inserito nell’ernia del disco sotto la guida dei raggi X. 

Una fibra ottica viene inserita attraverso l’ago/cannula e l’energia laser viene inviata attraverso la fibra, vaporizzando una minuscola porzione del nucleo del disco. 

Questo crea un vuoto parziale che allontana l’ernia dalla radice del nervo, alleviando così il dolore con effetto immediato.

Post trattamento

Al termine del trattamento il paziente potrà tornare immediatamente a casa dove osserverà 24 ore di riposo, quindi iniziano una deambulazione progressiva, camminando fino ad un paio di chilometri. 

La maggior parte dei pazienti tornerà alla vita normale in quattro o cinque giorni.

Poiché viene utilizzato solo un ago sottile, non ci sono tagli né cicatrici. 

Solo una piccola quantità di disco viene vaporizzata e non vi è alcuna instabilità spinale successiva. 

La PLDD è diversa dalla chirurgia del disco lombare a cielo aperto perché non ci sono danni al muscolo della schiena, nessuna rimozione ossea o grande incisione cutanea. 

La maggior parte delle complicazioni che possono verificarsi con la chirurgia a cielo aperto vengono eliminate con la procedura PLDD.

Vantaggi